Si dice che Diego abbia iniziato a fare barbecue prima ancora di iniziare a parlare. In realtà, avendo iniziato a parlare solo dopo i trent'anni, fa capire che ha iniziato solo recentemente a cucinare con il kettle, ma questo non lo rende meno appassionato. 

Al contrario, la sua profonda voglia di conoscere questo tipo di cucina lo ha portato a partecipare ad eventi e corsi in mezza Italia, con insperati buoni risultati.

E' stato il fondatore, insieme ad Armando, del Griller Instinct ed ha partecipato a competizioni a Monza, Torino, Brescia e Perugia.

Diego

 

 

Armando è un tipo molto eclettico. Egli ha scelto il BBQ e porta avanti questa scelta con passione e dedizione. Corsi, eventi, gare e quant'altro lo trovano sempre in qualche modo protagonista.

E' lui che lancia l'idea a Diego di creare un team per gareggiare a Perugia, insieme a Diego è il primo a far parte del progetto Griller Instinct, che porterà successi ben oltre l'immaginabile.

 Armando

 

In realtà non si sa molto di Augusto. Si racconta che sia stato cresciuto nella steppa caucasica da un branco di lupi, e da questo è nata la sua passione per la carne.

La sua innata curiosità e dedizione lo portano presto davanti a un kettle, strumento che lo lascia perplesso per la sua semplicità e versatilità.

Inizia la sua avventura nel mondo del BBQ con qualche competizione, per poi unirsi ad un famoso gruppo italiano, che successivamente abbandona per entrare nella ciurma di Griller Instinct.

 

 

Amico di lunga data di Griller Instinct, le sua voglia di fare barbecue è seconda solo alla sua voglia di mangiare barbecue, cosa per cui è ben conosciuto agli addetti ai lavori.

Emiliano è una persona schietta, che non ci pensa due volte di dirti che la tua cucina fa schifo. Se però la tua cucina è di suo gradimento, ti sei guadagnato un amico per la vita.

Entra nel team all'inizio della seconda  stagione, quando iniziano i preparativi per le prime battaglie.

 

Anche se egli ha sangue reale nelle vene, essendo nipote di Carlo Magno, questa sua linea reale non traspare dai suoi modi gentili, come il soprannome sobrio fa intuire.

Dopo aver conquistato diversi territori con le sue armate, egli ha fatto un cenno con il suo scettro, ed un paggio ha consegnato il suo messaggio a Griller Instinct:

"Dopo le terre, i reami e le dame, il conquistar ben poco mi alletta. Ordunque messeri, si faccia del Barbecue!"

 

Nessuno sa dire da dove arrivi Bubba. La sua lingua è sconosciuta ai più, si sa solo che la sua passione per il barbecue è superata solo a quella per le moto, per questo spesso si confonde e puoi trovarti sul piatto un pistone affumicato al ciliegio anzichè una salsiccia.

E' noto alle cronache per aver glassato delle ribs sgommandoci sopra. Si dice che in quell'occasione la sua moto andasse a salsa barbecue.
 
Si dice che Paolo sia nato dentro una botte di Whisky. Dato che la botte era per un whisky di 24 anni, egli ne è uscito proprio a quell'età.
 
Ha da subito iniziato con il barbecue e dato il suo alto valore alcolico sin da subito mostra le sue doti, accendendo la ciminiera di accensione dando fuoco a un peto.
 
E' conosciuto per aver affumicato delle salsiccia al legno di botti di whisky senza però utilizzare né legno, né botti, né whisky.